Benvenuto nel Gruppo di Acquisto Solidale di Morbegno!


IL MISTERO del FAGIOLO PERDUTO

Il Progetto per un’AGRICOLTURA ECOLOGICA e sociale è il tentativo più strutturato e ambizioso che un piccolo team di soci del nostro GAS ha messo in campo per tentare di “Uscire dal Guscio”; evadere dalla routine di ordinare/accogliere/smistare/ritirare/ consolidare/pagare ….
Non sono mancati tentativi precedenti, ma questo Progetto è qualcosa di più.
C
i siamo entrati su proposta del capofila, gli Amici della Valcodera, pensando ad una serie di azioni che vogliamo realizzare e che ci impegneranno fino alla conclusione del ‘22, potendo anche disporre di opportune risorse economiche generate dal progetto stesso. Di conseguenza ogni azione potrà avvalersi di fondi per il lavoro sul campo, per i materiali necessari, per le attrezzature, per i rimborsi spese, per la comunicazione….
Al fine di ottenere il finanziamento sul Bando regionale, era necessario individuare una programmazione di massima entro il mese di luglio scorso, ma, fissati gli obiettivi e alcune scadenze, per tutta il resto c’è l’aperta prateria davanti a noi , o quasi.

Il Mistero del fagiolo perduto ce lo giochiamo nel territorio di Bema alla ricerca del “fagiolo dalla riga d’oro” o semplicemente dorato, di cui abbiamo avuto sentore, ma che non sappiamo se veramente sia mai esistito e se, soprattutto, esista ancora, alle falde del pizzo Berro.
Dalla nostra Carta degli Intenti
“ I prodotti locali spesso si accompagnano a colture e culture tradizionali della propria zona; entrambe rischiano di scomparire sotto le spinte di uniformità del mercato globale. Consumare prodotti tradizionali è un modo per allungare la loro vita e proteggere la biodiversità, oltre che a conservare un mondo millenario di sapori, ricette e tradizioni.”
A tutti i nostri soci che vogliano darci una mano nell’ardua ricerca del favoloso legume, chiediamo di mobilitare amicizie, conoscenze, affetti...e reperite le informazioni…. farci sapere.
Per i soci interessati al Progetto nel suo complesso, nelle sue varie articolazioni, ricordo che l’attuale micro GruppOperativo è formato da Paola Passerini, Giovanni Brunoni, Rudy e dal sottoscritto; dal ricco humus dei nostri associati che, con le new entry di questi primi mesi del ’21 ha raggiunto la strabiliante cifra di 120….ci attendiamo primaverili fioriture di interessi, condivisioni, apporti di idee….
Attendiamo vostre, con l’orecchio incollato al cell. … per rendere l’idea….

    Villiam

Ultimo aggiornamento (Domenica 28 Marzo 2021 20:57)

 

UNA FORESTA CHE CRESCE

Per una volta, ascoltiamo il suono armonioso di una foresta che cresce, piuttosto che rammaricarci del fragore, del clangore dell’albero che schianta a terra.

Una foresta di alberelli di buone azioni cresciuta in meno di 10 giorni grazie all’iniziativa di Francesca Pedrola, socia del Gruppo d’Acquisto Solidale (GAS) CamBìo di Morbegno da cui ha ricevuta massima disponibilità ed appoggio.

Una veloce mail ai 104 soci dell’Associazione, un altrettanto rapido passaparola in rete fra conoscenti ed amici e in men che non si dica i materiali richiesti sono affluiti alla base di raccolta del Ri-circolo di Morbegno, che funge anche da magazzino dei prodotti ordinati dal Gas.

Scarponi, giacche a vento, sacchi a pelo alcuni appositamente acquistati, altri smessi per cessata attività ludico/turistica da parte dei proprietari, sono stati riposti in contenitori di fortuna, come in cartoni o in sacchi per la raccolta degli scarti domestici.

Giovedì 21 gennaio, alle 14,30, il carico è partito, sul cassone di un camioncino per raggiungere, attraverso vari passaggi di mano, il campo profughi di Lipa in Bosnia.

 

****** Almeno 900 persone, da 17 giorni, vivono sotto ripari di fortuna in quello che è rimasto del campo di Lipa, località tra i boschi sulle alture della Bosnia Erzegovina a pochi chilometri dal confine con la Croazia. Dopo che la tendopoli temporanea che li ospitava è andata a fuoco, l’antivigilia di Natale, il 23 dicembre, le loro condizioni già molte precarie sono precipitate. Senza acqua, né elettricità, né servizi igienici gli sfollati (tutti uomini, richiedenti asilo, provenienti per lo più da Pakistan e Afghanistan) sono costretti a scaldarsi accendendo piccoli falò. «Non è ancora arrivato il gelo, ma fa già molto freddo, la neve che era caduta nei giorni scorsi si è sciolta creando un pantano che rende la quotidianità ancora più complicata.» *******

(Silvia Maraone, operatrice umanitaria che lavora per Istituto Pace Sviluppo e Innovazione (IPSIA) e altri.

 

Certo è stata la risposta di molti cittadini al messaggio  evangelico “ avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete….”  ma è stata anche la risposta laica, solidaristica, fraterna verso persone le cui condizioni di vita sono difficilmente immaginabili per noi, che pur non stiamo attraversando certo un periodo felice.

La disponibilità messa in campo, in così breve tempo, da numerose persone sta spingendo singoli e associazioni ad una riflessione sulla possibilità di continuare  la “catena di solidarietà” con altre modalità, magari attraverso una raccolta fondi che raggiunga, per quanto possibile, ogni angolo della nostra Provincia.

Perchè la foresta di aiuti e sostegni umanitari continui a crescere, in numero ed in vigore.

Villiam  (Comunicato stampa)



Ultimo aggiornamento (Sabato 27 Marzo 2021 22:54)

 

DOSIS facit VENENUM ***

E’ da un 500 anni, ora più, ora meno, che si sente dire in giro che *** “E’ la quantità che fa il veleno (Paracelso)”; mi sembrava il caso di ricordarlo perché alcuni vini che trovate nell’ordine e che abbiamo degustato in anteprima nel gruppo Wine&Choc, rischiano in effetti di farci superare l’asticella…. la storiella di seguito ci rassicura comunque che un paio di bicchieri di quello buono… Prosit a chi vorrà provarli.
  Villiam

Un professore universitario stava davanti alla sua classe di filosofia e aveva davanti a sé alcuni oggetti. Quando la classe cominciò a zittirsi, prese un bel vaso vuoto e lo iniziò a riempire di palline da golf. Chiese poi agli studenti se il vaso fosse pieno e loro risposero che lo era.

Il professore allora prese un barattolo di ghiaia e la rovesciò nel vaso, lo scosse leggermente e i sassolini si posizionarono negli spazi vuoti, tra le palline. Chiese di nuovo agli studenti se il vaso fosse pieno e questi concordarono che lo era. Il professore prese allora una scatola di sabbia e la rovesciò nel vaso; la sabbia si sparse ovunque all'interno. Chiese ancora una volta se il vaso fosse pieno e gli studenti risposero con un SI unanime .

Il professore estrasse quindi due bicchieri di vino da sotto la cattedra e aggiunse il loro intero contenuto nel vaso, andando così effettivamente a riempire tutti gli spazi rimasti vuoti. Gli studenti risero. "Ora", disse il professore non appena la risata si fu placata, "voglio che consideriate questo vaso come la vostra vita. - Le palle da golf sono le cose importanti: la vostra famiglia, i vostri bambini, la vostra salute, i vostri amici e le vostre passioni; le cose per cui, se anche tutto il resto andasse perduto….la vostra vita continuerebbe ad essere piena.

I sassolini sono le altre cose che sono importanti: come il vostro lavoro, la casa, la macchina... la sabbia sono le piccole cose di minore entità...se voi mettete nel vaso la sabbia per prima, non ci sarà spazio per la ghiaia e nemmeno per le palle da golf. Lo stesso vale per la vita: se usate tutto il vostro tempo e le vostre energie per le piccole cose, non avrete più spazio per quelle che sono importanti per voi. Dedicatevi a ciò che amate e alle vostre passioni, tanto ci sarà sempre tempo per pulire la casa o fissare gli appuntamenti.

Prendetevi cura per prima cosa delle palle da golf, le cose che contano davvero...il resto è solo sabbia. Uno degli studenti alzò la mano e chiese cosa rappresentasse il vino. 


Il professore sorrise: “Sono felice che tu l'abbia chiesto. Serve solo per mostrarvi che non importa quanto piena possa sembrare la vostra vita, ci sarà sempre spazio per un paio di bicchieri di buon vino con un amico."



Ultimo aggiornamento (Sabato 27 Marzo 2021 22:51)

 

FACCIAMO QUANTO…….nel 2021


Ci siamo appena lasciati alle spalle il giorno più corto dell’anno; il Solstizio d’Inverno e, già dal 22 dicembre, la luce ha cominciato a smangiare, a erodere le forze del buio.

Di altra luce, però, abbiamo sommamente bisogno, dopo un anno trascorso quasi completamente fra il tetro e il plumbeo. La Luce spirituale del Natale, la Luce della speranza perché si azzecchino efficaci rimedi di contrasto al C19, la Luce dell’ottimismo della ragione che ci rischiara, nel venire a conoscenza delle decisioni che “reggitori di popoli” stanno prendendo in vari angoli del globo e che sono orientate ad affrontare le principali emergenze ecologiche del nostro Pianeta: i cambiamenti climatici, la scomparsa della biodiversità, il minaccioso dramma della deforestazione….

Non ritengo che dal Grande Sconquasso emergerà un’umanità particolarmente ripulita o rinnovata, dal momento che la più diffusa aspirazione sembra sia quella di ritornare a “come si stava prima”. Noi però, nel chiuso delle nostre casette, facciamola qualche riflessione, proviamo ad interrogarci su come viviamo i nostri rapporti con gli altri, chiediamoci se la nostra quotidianità è compatibile, in armonia con la Madre Terra e tutti i suoi abitanti, a qualsiasi “regno” appartengano… Cerchiamo di sortire da queste pericolose sabbie mobili, un po’ più in “sagoma” di come ci siamo entrati.

Poi a gennaio ci si ritrova, tutti speriamo “di persona, personalmente”, ma se non fosse possibile ancora, ancora terremo il punto e resisteremo nella nostra fortezza del GAS….per tutto il resto:

“Facciamo quanto dobbiamo, accada quel che può…” (attr. inc.)

Serene festività a tutte le socie e tutti i soci, Under e Over 14

Villiam



Ultimo aggiornamento (Sabato 27 Marzo 2021 22:51)

 

E…...la nave va


Non sappiamo se potremo trascorrere le prossime festività natalizie con i parenti,  gli amici, i nostri cari…..

Ma comunque Noi ci stiamo preparando, un po’ chiudendo gli occhi e facendo finta di niente, un po’ provando a condurre la nostra vita con la “normalità” di sempre, così da accantonare o allontanare quella tristezza, quel senso di precarietà che ci accompagnano ovunque.

Poi, prima di Natale….ci aspettano le clementine, i dolcetti di Tatawelo, ancora olio  Nicolosi, gli aranci siciliani…..e, se ce la facciamo, anche  la galassia di Iris.

Nel frattempo, noi soci, diamo una mano al Consiglio Direttivo perché lo smistamento e la distribuzione dei prodotti avvengano secondo i crismi della sicurezza e della massima attenzione alle norme di salvaguardia.



Per il resto...Sursum corda…

Villiam



Ultimo aggiornamento (Sabato 27 Marzo 2021 22:53)

 

SOCI in…..ARTE

Che il Mondo dei nostri socigas sia uno spaccato abbastanza probante della popolazione che dimora in Bassa Valle, credo si possa darlo per acquisito: lavoratori dipendenti, liberi professionisti, insegnanti, pensionati, esercenti….

E fra questi…. alcuni che si dilettano, per passione, per studio, per professione nella nobile arte dell’Arte nella sua più vasta accezione.

Comincio con una rassegna di musici, quasi a kilometro zero, che in questi giorni hanno ripreso le loro scorribande sonore, volti ad allietare un momento storico quanto mai bisognoso di sollevanti svaghi, in sicurezza e in distanziamento, evidentemente.

Mi aspetto altre presentazioni di musicisti, attori, pittori, acrobati e saltimbanchi, la nostra web- paginetta è aperta, direi anche per amici non ancora gas-iscritti, ma comunque in zona eco/bio/sostenibile.

Villiam

Proposte musicali Xeres

Ultimo aggiornamento (Sabato 11 Luglio 2020 22:20)

 

Politica sui cookie

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente.

Questo sito per poter funzionare utilizza i cosidetti cookie tecnici e non viene effettuata tramite questi nessun tipo di profilazione ne tantomeno vengono raccolti tuoi dati.

Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo di tali cookie

Per saperne di più visita la pagina relativa all' INFORMATIVA