In principio....E 124

Mi pare di ricordare che tutto cominciò qualche tempo fa con la pubblica scoperta dei malefici coloranti alla cui testa svettava il rosso brillante del mostruoso E 124, sospetto e accusato di effetti cancerogeni su alcuni organi del corpo umano. E' stato forse il primo atto di una “presa di coscienza” collettiva, tracimata all'esterno di ristretti e qualificati circoli di studiosi e saggi.

L'indistinto popolo dei consumatori scoprì, di seguito, che i coloranti non erano che un'esigua avanguardia della sconfinata miriade degli ADDITIVI ALIMENTARI, per lo più di provenienza CHIMICA, che allietavano il nostro desco quotidiano rifornito da percentuali sempre più massive di cibo industriale. In rapida successione sono seguiti i “DALLI” al polifosfato, al glutammato, agli aromi- più o meno naturali- fino ad approdare all'ormai impronunciabile “olio di palma”, ma non passa giorno che qualche nuovo “ingrediente”, con cui abbiamo sempre condiviso i nostri parchi/pasti, non finisca sul banco degli imputati.

Cosa ne sappiamo, ad esempio, degli ftalati “contenuti” nella comodissima carta/plastica/trasparente con cui avvolgiamo cibi da consumare poi...? Conosciamo tutti persone che, prese da sconforto e/o colpite dalla terribile sindrome da “jap in the jungle”, si sono arresi e hanno abbandonato la lotta. I loro carrelli-spesa traboccano ormai di grassi saturi, aflatossine, insetticidi e diserbanti, cibi di provenienza ultra/extra EU, bottiglie di vino, offerta speciale a 1,05 euro, olio EVO a 3,48 euro...e via discorrendo.

Noi NO, noi del GAS, con certosina pazienza continuiamo la nostra quotidiana battaglia per un cibo sano per chi lo consuma, lo vende, lo produce, per la nostra Madre Terra.

Possiamo contare sulle informazione carpite dai “nostri” siti web, sulla conoscenza e la fiducia che abbiamo nei nostri fornitori, sugli altri soci GAS con cui scambiamo pareri ed informazioni.

Ogni giorno liberiamo e percorriamo un pezzo di sentiero nella giungla delle informazioni, ogni giorno sappiamo di più e facciamo di meglio...ora, di meglio, non ci resta che ODIO di PALMA, discutibile finale, ma per giudicare bisogna ascoltare.

Alla prossima


VIDEO ODIO DI PALMA

william

 

 

Politica sui cookie

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente.

Questo sito per poter funzionare utilizza i cosidetti cookie tecnici e non viene effettuata tramite questi nessun tipo di profilazione ne tantomeno vengono raccolti tuoi dati.

Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo di tali cookie

Per saperne di più visita la pagina relativa all' INFORMATIVA